Pubblicato da: virginialess | 20 luglio 2011

Noi nonne e la cura dei nipoti: senza limiti (4)

Anche questo argomento risulta parecchio frequentato. Ci ritorno  per rispondere a Liliana, con molto ritardo e me ne scuso. Commentando il 3, lei esprime  pieno rispetto per le scelte educative dei genitori dei suoi nipoti, per fortuna concordanti con le proprie  (“mano di ferro in guanto di velluto”), mentre contesta il cosiddetto diritto all’indulgenza attribuito ai  nonni. Qualche precisazione.

Nessun dubbio che i nonni mai debbano  stravolgere il modello educativo dei genitori. Più volte ho ribadito l’obbligo di attenervisi anche se non lo condividono nonché quello di evitare le critiche, specie in presenza dei nipoti che ne sarebbero sconcertati e feriti. Ovviamente tutto va bene se non ci sono grandi differenze di vedute;  meno qualora – un esempio a caso – i nonni abbiano a suo tempo  obbligato i figlioli di star zitti a tavola o quando conversano gli adulti mentre questi, che per tale regola hanno ” patito”, divenuti genitori lasciano liberi i propri pargoli di interloquire quando vogliono.

Se le divergenze sono notevoli, meglio limitare l’affidamento  dei nipoti. Dispiacerà un po’ a tutti, ma sarebbe motivo di ansia per i genitori sottoporre i figli alle frustrazioni  che (a torto o a ragione) ritengono di aver subito da piccoli, e neppure si può rivolgere ai nonni un discorso siffatto: <  Cari mamma e papà, vi lascio  Carletto per l’estate, ma non dovrete trattarlo come avete fatto con me! >  Segue elenco. Al solito prevarrà – si spera – il buon senso: magari negli anni tutti hanno rivisitato le rispettive posizioni…

Quanto all’indulgenza dei nonni, beninteso ragionevole e appropriata, la elogiano i  professionisti del settore. E i bambini non la ritengono un “cedimento” pedagogico, ma una caratteristica del ruolo. Crea un’affettuosa complicità, rianima la memoria storica, consente esperienze positive a  piccoli e anziani… Ne ho scritto in varie occasioni. Sembra inoltre che ai nonni venga per così dire naturale consentire ai nipoti di “allargarsi”  rispetto ai figli e, nel caso  dei piccoli chiacchieroni, è facile non se ne lamentino affatto.

I soliti tecnici dell’educazione propongono articolate spiegazioni  sulla “bontà” nonnesca.  Intervengono non tanto la presunta saggezza dell’età, quanto la condizione esistenziale,  di solito meno stressante,  e soprattutto non gravata dal pesante impegno genitoriale. In parole povere, noi nonni  -salvo casi particolari – sappiamo  di avere un ruolo collaterale. Ai nipoti vogliamo bene, ci divertiamo con loro, siamo interessati a quel che fanno eccetera, ma la “riuscita” globale dei discendenti, o come chiamarla, non è sotto la nostra responsabilità. Il che  rende leggera e lieta la nostra presenza.

Advertisements

Responses

  1. Ho letto il vs articolo sul ruolo dei nonni.
    Penso che un tempo, nei racconti serali sull’aia o nella stalla, la presenza dei nonni comportasse anche qualcosa di più: le narrazioni degli anziani davano il senso delle regole e di come queste fossero nate. Tenevano vive le tradizioni e le abitudini locali. Davano significato al passato, che era composto di episodi e di “lezioni” imparate dai protagonisti sulla loro pelle.
    Oggi il ruolo dei nonni è un po’ defilato, spesso per gli ostacoli spazio-temporali, che rendono rari i momenti in famiglia allargata.
    Io, ad esempio, ho una nipotina che vive all’estero e che vedo solo due o tre volte all’anno.
    Per tener viva la relazione uso skype per dialogare con lei, e la posta elettronica, con la quale le trasmetto le mie favole, che scrivo e illustro, sia pur da dilettante.
    Ho da poco aperto un sito, http://www.folartisti.it, nel quale ho raccolto alcune di queste favole inedite per metterle a disposizione gratuita di altri nonni, oltre che di genitori, insegnanti ed educatori.
    Il nome del sito prende spunto proprio da “fole” e da “folatori”, nomi che riportano al passato contadino e alle riunioni serali, che mettevano in scena un ricchissimo intreccio relazionale, che ora si stenta a ricreare, delegando la parte attiva alla tv e ai suoi personaggi.
    Il discorso ovviamente, a questo punto, si farebbe lungo e saprebbe di minestra riscaldata, perché un po’ tutti ce lo siamo già fatto e ripetuto molte volte. Per questo preferisco chiuderlo qui, chiedendo scusa per il troppo spazio occupato.
    Buone feste e grazie per l’attenzione.
    nonno marpi

    • Piacere di conoscerla, nonno marpi! Leggerò anch’io le “fole” del suo sito. Lei ha commentato il post che dedicavo a Liliana, la quale non era d’accordo sull’indulgenza dei nonni… Il molti altri (la memoria storica, frasi dei nonni, stimoli vantaggiosi ecc.) mi soffermo invece sui vantaggi del “discorso” che intratteniamo con i nipoti, gratificante per noi e vantaggioso per loro.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: