Pubblicato da: virginialess | 11 agosto 2011

Noi nonne e i nostri vecchi

Alcune di noi nonne – le più  giovani, ma non è detto – hanno per fortuna ancora i genitori.  Gratificante situazione, di vantaggio anche ai nipoti, che  entrano in rapporto con tre generazioni. I  bisnonni sono portatori di ulteriore “sapienza”, il legame familiare assume  una prospettiva  più ampia, la memoria  storica se ne avvantaggia.

I nostri papà e mamme sono vecchi e spesso bisognosi di presenza costante o  assistenza vera e propria. E prima o poi  purtroppo accade che, in maniera ci   auguriamo “lieve” e  serena, la loro esistenza si avvii alla fine. Nell’occuparci (preoccuparci) di loro dobbiamo fare delle scelte, possibilmente giuste, ed  è  inevitabile  pensare anche alla nostra età avanzata. Sarebbe il caso   di mettere a punto un orientamento generale su come, se ne avremo modo, vorremmo gestirla. Per il momento occupiamoci delle mansioni filiali, che  diventano talvolta problematiche quando la salute dei nostri cari declina.

Niente di personale, non ho più i genitori . La riflessione  mi viene comunque suggerita dalla cerchia parentale allargata, in cui ci sono tre bisnonni. A gestirsi in quasi autonomia è stata finora l’ ultranovantenne vedova, mentre la  coppia (qualche anno in meno ma più malandata) si avvale di una badante diurna. I  figli sono  coinvolti con ruoli più o meno importanti, i loro coniugi e  anche i nipoti hanno qualche compito. I casi concreti mi hanno posto  questioni che provo a estendere e generalizzare. Le elenco in forma interrogativa, partendo dall’ipotesi che le figlie, cioè noi nonne, siano libere dal lavoro e da pressanti impegni di famiglia.

– E’ opportuno indurre il genitore autosufficiente che non lo desidera (pur avendone i mezzi) ad assumere una badante o simile per sentirsi più tranquille?

–  E’ giusto cercare di convincerlo alla casa di riposo per il timore di una futura invalidità? O, al contrario, distoglierlo dall’entrarvi per motivazioni economiche o sociali?

–  Se occorre assistenza, come comportarci quando  fratelli e sorelle, pur in condizione di collaborare, si dimostrano poco disponibili?

– Dobbiamo porre dei limiti alla nostra sollecitudine? Se  la condizione di malattia, pur grave, si protrae a lungo, è corretto mantenere (o quasi) un normale ménage domestico? Per es., garantita l’adeguata assistenza, possiamo andare in vacanza? Non troppo lontano, direi.

– In caso di malattia, è giusto celare al genitore indipendente e lucido una diagnosi infausta?

– Lo è, allo scopo di meglio assisterlo, organizzarne il  trasferimento lontano dall’ambiente in cui è  sempre vissuto? Ovvero: noi  figlie dovremmo – essendone in grado – abbandonare il nostro per trasferirci in casa sua?

Per il momento mi fermo qui. Dedicherò il prossimo post alle opinioni che ho trovato su questi temi. Tristi quanto poco eludibili, almeno in prospettiva; e infatti, come in premessa, mi propongo di parlare un po’ anche della nostra vecchiaia.

Advertisements

Responses

  1. Io ho 53 anni e i miei genitori, 80 e 77 anni, sono fortunatamente ancora autonomi. Certo, gli acciacchi dell’età ci sono, ma abitano da soli, fanno la spesa, si occupano della casa e ogni tanto tengono anche la piccola Chiara con loro per qualche ora… insomma, sono ancora in gamba! So però – anche se al momento tendo a pensarci poco – che arriverà il momento in cui avranno bisogno di assistenza, in cui il problema maggiore non sarà più un semplice mal di schiena o l’udito un po’ scarso. Non so come affronterò le cose, anche se spero di riuscire a gestire la situazione nel modo migliore per i miei genitori, senza strapparli al loro ambiente, alle loro abitudini, alle persone che amano. Finora c’è sempre stata una grande sintonia con i miei fratelli e spero, qualora si presenti l’occasione, che questo continui anche nel momento in cui ci sarà da prendere qualche decisione importante per quel che riguarda i nostri genitori. Ma ora è facile parlare e avere buoni propositi. Per dare un giudizio obiettivo dovrei trovarmi in una situazione concreta e solo allora potrò rispondere a queste domande.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: