Pubblicato da: virginialess | 26 dicembre 2011

Suocere natalizie…

Il blog è stato frequentato più del solito in questa settimana, soprattutto da nonni interessati al tema dei regali ai nipoti. Ieri e oggi c’è stata una diminuzione che trovo più che giustificata. Noi nonne, me compresa, in compagnia della famiglia ci siamo occupate di altre faccende, si spera gratificanti

Non per  tutte, purtroppo. Oltre alla già citata “sindrome natalizia”, può accadere che proprio in queste giornate le suocere, anche in fieri, siano angustiate. Tra i  termini di ricerca leggo infatti: “Come far capire a un figlio che ha scelto la donna sbagliata”. Che la lettrice sia afflitta dal problema a ridosso della festività ovviamente mi dispiace. Immagino che proprio frequentandola per l’occasione abbia elaborato o rafforzato il giudizio negativo sulla donna di cui il suo figlio è innamorato.

Sull’argomento ho riflettuto e  scritto in diverse occasioni. Ero stata chiamata in TV a parlarne, il che testimonia della popolarità del tema (non certo della mia competenza!), per cui ho cercato sul web e nei testi  pareri  professionali autorevoli. Rimando dunque ai vari post in cui ne ho riferito, limitandomi a ripetere qui l’argomentazione di fondo:  la cattiva valutazione della persona amata dai nostri figli implica  una sostanziale disistima dei figli medesimi. Non ci fidiamo della loro capacità di scelta, vogliamo  continuare a proteggerli sine die anche da se stessi, ritenendoli  immaturi e sciocchi…

E qualora lo fossero davvero? Prima di trasferire il nostro malcontento sulla compagna, dovremmo: primo, recitare il mea culpa per gli errori educativi commessi; secondo, ascoltare senza pregiudizi il parere dell’interessato, che può aver trovato proprio in quella donna il “completamento” necessario. Mettendo da parte o almeno padroneggiando, qualora la si provi, quella particolare “gelosia” che l’opinione diffusa (e, in parte, le scienze umane) attribuiscono alla mamma di lui.

Naturalmente in qualche caso  antipatia e rifiuto hanno un giusto fondamento. Esporremo allora con pacatezza le nostre ben motivate considerazioni al figlio, che le valuterà liberamente. Dopo di che ognuno deciderà per sé, senza malanimo, comportandosi di conseguenza.

Annunci

Responses

  1. Carino il blog… interessante… un abbraccio!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: