Pubblicato da: virginialess | 17 febbraio 2013

Nipoti adolescenti

ragazziAvviene  spesso, e  i nonni se ne rendono conto, che i  rapporti con i nipoti, frequenti e ben riusciti durante gli anni dell’ infanzia, non lo siano in ugual modo e misura quando essi raggiungono l’adolescenza.

Comincio con un pezzetto  della Vegetti- Finzi (Nuovi nonni per nuovi nipoti, cit.) Accade allora che i nonni sbiadiscano e, insieme ai genitori, vengano relegati in seconda fila per far posto ad altre figure di riferimento: coetanei innanzi tutto, ma anche adulti che non li trattano come bambini(…) i nipoti si mostrano distaccati, lontani, quasi estranei, ma non è un dramma (…)

Il diradarsi delle telefonate e visite significa che l’infanzia è finita e occorre spostare il rapporto su altri piani d’incontro e magari anche di scontro. L’importante è non perdersi di vista, far sapere ai ragazzi che i nonni ci sono e hanno ancora qualcosa da dire.

Per riuscire a farlo, occorre mutare l’approccio. I nipoti, appunto, non sono più bambini, ma neppure adulti: la loro identità si va precisando e ciò li rende, spesso, spigolosi e suscettibili. Una mamma, per esempio, espone bene la situazione nel sito, ricco di spunti, http://www.officinagenitori.org/

“…sto avendo un po’ di problemi al mare con mia madre e mia figlia, litigano e nn c’è un bel clima. di base M si fa molto i fatti suoi e nn considera la nonna, mia madre si annoia e ci resta male. quando poi prova a dirle qualcosa (di norma sono appunti e inviti al rispetto delle regole) M le risponde in modo abbastanza antipatico. tendo a precisare che mia madre è molto dolce, solo ha 71 anni e le sue idee, e forse con M è un po’ criticona. M dal canto suo riesce ad essere simpatica come la sabbia nel letto.”

Spesso infatti modi e maniere, e anche l’immagine fisica che gli adolescenti adottano, non è precisamente gradevole. Fa parte della faticosa costruzione della loro identità, che va avanti fra tentativi ed errori. Perciò”…è necessario comprendere se e quando la critica all’adolescente è davvero necessaria (…)  Siamo noi (…) a doverci porre delle domande. Perché il tale comportamento, abbigliamento, discorso, pensiero ci dà così fastidio o ci è così inaccettabile da dover essere oggetto di critiche? È qualcosa di effettivamente negativo o semplicemente non piace a noi?” 

Nei casi  in cui “la critica si rende davvero necessaria, bisogna scegliere il modo migliore di utilizzarla, e questo è sicuramente rappresentato dalla critica costruttiva” .  Il compito spetta in primo luogo ai genitori; noi nonni potremo intervenire solo quando i nipoti ci sono affidati o se veniamo coinvolti per qualche precisa ragione. E’ bene comunque rammentare alcuni punti fondamentali.

“La critica costruttiva è tesa al miglioramento e all’aiuto dell’altro a differenza della critica distruttiva che ha come scopo, anche inconsapevole, la sua squalifica come persona. Per muovere una critica costruttiva è necessario prima di tutto separare il comportamento dalla persona: è la sostanziale differenza tra il “sei uno stupido” e il “ti sei comportato da stupido”. Inoltre, una volta evidenziato il comportamento criticabile, è utile e appunto costruttivo spiegarne il motivo e mostrare quale possa invece essere il modo per correggersi.” (dallo stesso sito: Dottoressa Anna Laura Boldorini, Psicologa)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: