Pubblicato da: virginialess | 2 luglio 2013

Nipoti e compiti delle vacanze

Molti nonni sono in vacanza,  con piacere e talvolta per necessità, in compagnia dei cari nipoti. Se si tratta di un periodo abbastanza lungo ci troveremo anche noi  a “fronteggiare” il tema dei compiti estivi. La domanda che viene spontaneo porsi, lo facevamo anche da mamme, è se siano davvero utili. Sembra di sì.

Nel blog http://separazionedivorziodallapartedeibambini.wordpress.com trovo spunti giusti e utili, che riporto.

Secondo diversi studi delle più autorevoli università americane, sembra che siano necessari per evitare il “summer brain drain”, ovvero la perdita di apprendimento estiva.In particolare, secondo una ricerca condotta dal National Summer Learnig Association, presso la Johns Hopkins University, Baltimora (Usa), gli studenti, durante la pausa estiva, perdono da uno a due mesi delle competenze acquisite durante l’anno, soprattutto nella lettura e nella matematica. “L’estate è una grande pausa dalla scuola, ma non deve essere una pausa dall’imparare”, aggiunge inoltre Gary Huggins, direttore generale presso la National Summer Learnig Association.

Naturalmente non è necessario “affliggere” da subito i bambini in vacanza, giustamente desiderosi di riposo e gioco. Ma non va bene neppure rinviare alle ultime settimane, quando avranno dimenticato troppo.

L’importante è stabilire una data a partire dalla quale dovranno necessariamente compiere il loro dovere, frazionando in modo capillare gli esercizi, le pagine da studiare, i libri da leggere. In più, normalmente i libri delle vacanze servono a mantenere allenata la mente e gli esercizi sono spesso colorati, divertenti, stimolanti, con cruciverba, quiz o disegni da colorare che inframmezzano i compiti veri e propri.

La tecnica giusta è quella di  suddividere il lavoro in modo da svolgerne non più di un’oretta al giorno. Scegliete un momento della giornata che possa rimanere tendenzialmente lo stesso per tutta l’estate, ad esempio l’oretta che passa tra il pranzo e l’inizio del pomeriggio in spiaggia, quando i fratelli piccoli dormono e non si può giocare al sole.

Saggio il precetto basilare: Insomma: cerchiamo noi per primi di non caricare la questione di eccessiva angoscia. Apprezzo e condivido

Advertisements

Responses

  1. Carissima ho dato una sbirciatina al tuo blog che già conoscevo e ho riflettuto su questo ultimo post. Premetto che non sono nonna anche se ho l’età per esserlo , premetto che questi studi americani sono sicuramente fondati ……… Io penso che per i bambini diciamo “più bravi a scuola”ogni cosa crea, interesse …e tutto anche una semplice conchiglia è fonte di curiosità ….apprendimento.. per quelli diciamo “meno bravi a scuola” i compiti estivi sono una vera sofferenza per loro e per chi li deve seguire genitori, nonni…Paradosso…un bambino che abitava vicino a noi, apparteneva alla seconda categoria, quando sentiva i genitori chiamare a mio marito “professò” soffriva così tanto che un giorno disse alla mamma … Ma non lo potete chiamare per nome!!!!! ….E poi non è detto, nella vita possono riuscire e affermarsi più degli altri.
    Proprio oggi mio marito ha iniziato a fare ripetizione di matematica …. io che stavo dall’altra parte li sentivo, ho pensato tante di quelle cose ….. e provavo compassione sia per i ragazzi che per mio marito.
    Non ricordo bene….i miei figli non hanno mai fatto i compiti estivi forse allora non si davano….Io sono convinta che per alcuni bambini sono proprio un sofferenza non insisterei più di tanto…..sono un po’ per quella frase che non ricordo chi l’ha detta …. D’ignoranza non è morto mai nessuno …..e le vacanze sono vacanze
    buona serata Franca Rita

    • Un lungo periodo di inattività sembra sia sconsigliabile, cara Franca, almeno a sentire i “tecnici” dell’educazione…
      Hai certo ragione nel considerare educativi materiali e spunti diversi da quelli tradizionali e libreschi, che i bambini hanno già praticato per un anno!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: