Pubblicato da: virginialess | 17 luglio 2013

Il papà separato in vacanza con i figli

Molti papà separati si dimostrano poco assidui nei confronti dei figli e magari pure inadempienti quanto agli  obblighi di mantenimento stabiliti dal giudice. Ma altri, abbastanza numerosi da essersi riuniti in varie associazioni, al contrario  faticano  a far rispettare i loro diritti di vicinanza e cura dei bambini. Le mamme infatti tendono a porre ostacoli o, quanto meno, a non facilitare il rapporto.

Eccone  infatti uno, in cerca di pareri legali:  (http://canali.kataweb.it/kataweb-consumi/2013/07/12/) Sono un padre separato con un figlio di 7 anni. Ho chiesto alla mia ex moglie di poter portare il bimbo in ferie con me e i nonni paterni per una settimana. La risposta è stata “Sì, ma poiché il bimbo sarà già in vacanza al mare, lo dovrai prelevare e riportare al mare (e non al suo abituale domicilio)”.
Considerato che per le ferie estive col bimbo arriverò dall’estero ove vivo e lavoro (5 ore di aereo dall’Italia); che posso prendere solo una settimana di ferie; che per prendere e riportare il bimbo al mare dovrò fare circa 20 ore di treno (non possiedo un’automobile), osservo che il tempo utile con mio figlio il montagna si ridurrà a ben poco  E in ogni caso, in base a quale norma sarei  tenuto a prendere/riportare mio figlio non al suo abituale domicilio?

Per gli  avvocati   Armandola, Marzano e De Renzis  la norma di prendere in consegna i figli presso l’abitazione prevalente ammette eccezioni quando si trovano in luogo diverso, ma  la richiesta  della madre non è comunque impositiva… e giustamente concludono:  se però fra i coniugi vi fosse un miglior dialogo nell’interesse del figlio sarebbe stato sufficiente richiedere una collaborazione rappresentando l’oggettiva difficoltà a prendere il bambino nel luogo di vacanza.

E infatti il miglior dialogo nell’interesse del figlio quasi sempre manca e anzi il coniuge  ” perdente” nella separazione tende a “usare”  i bambini  in disturbo e punizione dell’altro. Forse è davvero quello che ha subito il danno maggiore,  magari si tratta di una mamma lasciata a sbrigarsela da sola tra mille difficoltà. Tuttavia il comportamento è sbagliato: i figli hanno bisogno di entrambi i genitori, le occasioni d’incontro vanno favorite (salvo casi gravi e specifici) a onta delle colpe coniugali pregresse.

Questo piccolo andrà in montagna ( ci fa piacere!) anche con i nonni paterni. Leggendo il post mi chiedevo se non avrebbero potuto loro prendere/riportare il nipotino all’abitazione estiva della mamma, facendo “guadagnare” tempo alla vacanza con il papà . I motivi sono probabilmente banali e mi auguro che essi, come purtroppo avviene, non siano tenuti in disparte dalla nuora rancorosa. Fare in modo che i bambini continuino a frequentare tutti i nonni  dopo il fallimento dell’unione è infatti un altro dovere cui i genitori non debbono venir meno!

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: