Pubblicato da: virginialess | 21 ottobre 2014

Nonne e filosofia 2 (il “bisogno di Platone”)

PlatoAnche quest’anno si è svolto il festival di filosofia di Modena. Il tema era la gloria. Ho scritto di quello del 2013* e non entro nel merito del programma, peraltro interessante. Non è stato certo il solo. Un elenco sommario riporta: f. della letteratura a Mantova, della Mente a Sarzana, della comunicazione a Camogli, Pordenonelegge, eccetera. E anche quest’anno Umberto Eco, dedicato una bustina di Minerva (l’Espresso) all’argomento (la citazione nel titolo viene da lì). Quanto a Platone, è morto da pochi giorni Giovanni Reale, il più importante studioso italiano del suo pensiero.

Centinaia e centinaia di persone, spesso venute da fuori, si affollano, magari “in piedi, pronte a seguire una o due ore di conferenze (oggi si chiamano “lectio magistralis” ma è pur sempre un tizio o una tizia [molte le filosofe, sottolineo soddisfatta!] che parlano dietro un tavolo, e di cose difficili). La domanda è la stessa dell’altra volta: “chi glielo fa fare?Ai suoi tempi, ricorda Eco – anche ai miei, un po’ più recenti-  riunioni del genere erano frequentate da quattro gatti “intellettuali”. Figuriamoci pagarle, come invece occorre fare per alcune, e ci sono le spese di viaggio, vitto e alloggio.

Un po’ malevolmente ero portata a spiegarmi l’affluenza dei non addetti con la moda dell’evento, e infatti nel programma troviamo il tiratardi  e la cucina filosofica. Anche Eco lo  riconosce, ma valorizza motivazioni indexpiù consistenti. Del bisogno di stare insieme, non solo i virtuale, di riconoscersi in chi ha i nostri stessi gusti e problemi, aveva già detto nella bustina del 2013. Ora sottolinea in maniera più incisiva quanto molta gente, specie giovane (che non è stupida come pensano i produttori di trash televisivo e chi pubblica giornaletti sui vip) vuole qualcosa di serio da mettere sotto i denti. Voi mi colmate di grandi fratelli? (…) vorrei un poco di Platone. Anche qualcosina  di Hanna Arendt, perchè no? Speriamo sia così, ne sarei davvero confortata.

Per riportare il discorso a noi nonne, rammento il tema della consulenza filosofica**, che in certo modo  tutte siamo portate a prestare, e l’importanza di prenderci cura dei nipoti anche offrendo stimoli meno banali. Pensiamoci quando sono con noi. Non occorre niente di ricercato:  la narrazione o  lettura di una storia, un gioco insieme sono importanti. Non lasciamo i nostri bambini e ragazzi da soli, accuditi – si fa per dire- da TV e video giochi!

*https://virginialess.wordpress.com/2013/09/17/suocere-nuore-e-filosofia/

**https://virginialess.wordpress.com/?s=nonne+e+filosofia&x=11&y=10

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: