Pubblicato da: virginialess | 5 maggio 2015

L’importanza del padre (e del nonno)

nonniNelle ricerche dei visitatori trovo spesso frasi che mi fanno riflettere, e  talvolta ne prendo spunto per un articolo. Questa in verità la trovo spiazzante nella sua… come dire… arretratezza socio-cuturale: “se la natura ha scelto la madre per mettere al mondo un figlio vuol dire che spetta a lei occuparsene, non condivido tutta questa importanza che oggi si dà ai padri”

Un maschietto wired che fa appello  alla “natura”  per sottrarsi agli impegni della paternità è davvero in controtendenza. I papà delle ultime generazioni ci tengono a svolgere il loro ruolo e spesso si accollano in letizia  anche ruoli di accudimento un tempo esclusivamente materni.

Naturalmente gli studi sulla famiglia gli danno torto: la figura paterna ha grande importanza  nello sviluppo armonioso della personalità dei figli, sia maschi che femmine, fin dalla primissima infanzia;  quella del nonno riesce gradita ai nipoti e risulta vantaggiosa ai fini di una crescita equilibrata.

Sull’argomento esiste un’amplissima letteratura. Mi limito a citare alcuni siti, riportando brevi citazioni. E invito i lettori, in primis l’autore della poco felice espressione, a consultarli.

http://www.pediatric.it/pap%C3%A0.htm Condividere il proprio tempo, le proprie attività, i propri pensieri e il proprio essere significa dare un sostegno costante che il figlio percepisce come un qualcosa di solido e duraturo nella sua vita.

http://www.stateofmind.it/2012/10/attaccamento/ i bambini sperimentano l’influenza del rifiuto da parte del padre come superiore rispetto a quello della madre.

http://www.zenit.org/it/articles/l-importante-ruolo-dei-papa La presenza di un padre (…) ha un impatto positivo i cui effetti si constatano in vari campi, dai problemi attitudinali a quelli accademici e alle condizioni economiche.

http://www.amando.it/lui/mondo-maschile/importanza-ruolo-paterno.html per un sano sviluppo dei bambini e degli adolescenti, è importante che i padri siamo emotivamente disponibili ovvero, siano coinvolti nella vita del proprio figlio e rispondano ai suoi bisogni emotivi.

Anche il ruolo del nonno è molto trattato nel web; troverete con facilità gli indirizzi. Mi limito a citare questo studio (http://www.uni-ulm.de/LiLL/5.0/aufsaetze/luisafiorentino/grandparents_it.htm) che mette in evidenza i profondi cambiamenti che lo hanno caratterizzato negli anni recenti.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: