Pubblicato da: virginialess | 21 giugno 2015

Nonne e… graffiti

lata-65-9Carina questa befana volante che, munita di bomboletta, tratteggia una farfalla tra le nuvole! Non è opera di un/a  giovane graffittaro/a trasgressivo/a (sì, ci sono anche ragazze tra loro), ma di una di noi.  Desta meraviglia sia per il tipo di espressione  che per l’età dell’artista: una nonna! Perché? Nella maggioranza dei casi, infatti,  E’ difficile intravedere una progettualità quando si diventa più anziani, si rimane intrappolati nei ricordi senza coltivare lo slancio creativo verso attività possibili nonostante l’età. Copio la frase da: http://www.art-vibes.com/street-art/lata-65-graffiti-senza-eta/ e il titolo dell’articolo recita: Il confronto creativo tra generazioni differenti

Si può vederla e come la “progettualità”: a Lisbona. Dove un’associazione LATA 65 ha orgnizzato   un’allegra banda di nonnini graffitari. In questo laboratorio d’arte urbana anziani dei vari quartieri della città apprendono le basi della street art (…) gli arzilli pensionati sono invitati a sbizzarrirsi con la fantasia creando stencil e tag che vanno ad impreziosire i muri. Guidati da noti artisti di strada, colorano di allegria e speranza i quartieri più trascurati e degradati.

lata-65-10Ecco la nonna all’opera. Gli organizzatori  (…) sono convinti che semplicemente comunicando e trasmettendo le proprie passioni alle persone più anziane sia possibile colmare il divario tra generazioni differenti, oscurando la vasta gamma di stereotipi e luoghi comuni che riguardano il mondo dei non più giovani.
L’iniziativa ha riscosso davvero successo e siamo felici di mostrarvi le immagini che documentano la spensieratezza e la leggerezza con cui queste persone ormai in là con l’età hanno aderito a questa forma di condivisione umana e creativa. conclude con ottimismo l’articolo.

Sono davvero colpita e anche un po’ “invidiosa”. Non ho attitudine per il disegno, pazienza, nè mi risulta qui da noi, a Roma o altrove, lo “sdoganamento” del graffito – se bello “impreziosisce” il degrado, concordo-  e, soprattutto, il coinvolgimento degli anziani.

Il messaggio, bombolette a parte, è chiaro, care nonne: manteniamo desta la creatività, non rinchiudamoci nei ricordi!

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: