Pubblicato da: virginialess | 23 novembre 2015

Compiti a casa: aiutare i nipoti?

fumetto bimbiSono molti i bambini che, trascorrendo con i (dai) nonni parte del pomeriggio,  si trovano a fare i compiti in loro presenza/compagnia. La domanda dunque si pone. E’ il caso di aiutarli?

In primo luogo, ricordarlo sarebbe superfluo, occorre attenersi alle istruzioni di papà e mamma. Nei primissimi anni di scuola quasi  tutti concordano per il sì: aiutarli almeno un po’. Ma, attenzione, solo se i nipotini lo chiedono.

Infatti i compiti a casa dovrebbero (per i fautori) sviluppare  la capacità di organizzarsi e rendere più autonomi i bambini: danno loro il senso del dovere e li aiutano a reagire alle difficoltà e ad applicarsi per raggiungere un obiettivo (naturalmente a patto che sia alla loro portata). Un intervento non richiesto e non necessario vanificherebbe gli obiettivi!
Utile raccomandare, spero non sia necessario, che per fare i compiti sarebbe meglio scegliere una stanza poco rumorosa, senza televisione accesa o videogiochi a portata di mano e senza giochi in giro.

Quando i nipoti sono più grandi, l’opportunità di aiutarli viene messa decisamente  in discussione. I ricercatori della University of Texas at Austin e della Duke University, per esempio,  sostengono che …Già a partire dalle medie, il coinvolgimento dei genitori nei compiti ha un impatto negativo sui risultati dei testVale anche per i nonni, è chiaro. Tuttavia nel Regno unito due genitori su tre (…) aiutano i figli fra i 5 e i 15 anni nei compiti e uno su sei non aiuta semplicemente, ma esegue i compiti al posto del figlio. Addirittura!

Perché lo fanno? …per mantenere la pace in famiglia. O per proteggere un figlio da un fallimento. «Certe volte, i genitori intervengono anche per un senso di iper-protezione», conferma la psicologa e psicoterapeuta Francesca Broccoli.

E perché l’aiuto risulta in genere inefficace? «Difficile dirlo con certezza. Probabilmente, è dovuto a una sorta di gap generazionale e, infatti, verso la fine del liceo, le capacità di aiutare con i compiti diminuisce, perché i genitori non conoscono il programma oppure lo hanno dimenticato» Vero: non me la sono cavata benissimo con il greco del mio primo nipote!

Ma allora quale dev’essere il ruolo degli adulti rispetto allo studio dei ragazzi? L’ingrediente fondamentale è comunicare l’importanza dello studio e il valore della scuola», scrivono Robinson e Harris (…)scegliere l’insegnante più adatto; parlare delle attività scolastiche a cui partecipano (…) e avere alte aspettative per l’università.

Ma, prosegue la dott. Broccoli, i grandi possono fare altro di utile: Leggere ai bambini prima che inizino la scuola è sempre un’ottima idea, perché aiuta lo sviluppo del linguaggio, delle capacità cerebrali e contribuisce a far crescere il vocabolario che, conseguentemente, aumenterà la capacità di imparare. Sono felice di sentirlo ripetere!

E anche, dice Robinson: …cercare di dare una mano nella gestione dello spazio e del tempo in cui vengono fatti i compiti e nella distribuzione settimanale del carico di lavoro, per non trovarsi – per esempio – con una mole di compiti da fare la domenica sera.

Avere idee chiare su tutto ciò mi sembra  utile e interessante. Quanto al praticarlo,  naturalmente lo faremo  nella misura in cui ci compete, care nonne!

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: