Pubblicato da: virginialess | 12 febbraio 2016

Nonne eccessive o nuore scortesi?

Ripropongo l’articolo perché una nonna  mi ha scritto in privato esprimendo un’analoga  preoccupazione. Non mancano d’altra parte le nuore timorose  che la suocera “si impadronisca” del nipotino. Entrambe dovrebbero dimostrare, anzitutto nell’interesse del piccolo, un doveroso equilibrio…

“Spero e prego che mia nuora mi faccia fare la nonna quanto lo desidero”

Trovo eccessiva, lo confesso, la frase di questa fresca (o futura) nonna. Mi comunica  ansia,  dà l’idea di una condizione emotiva poco serena, in cui l’ aspettativa delle gioie nonnesche è commista al timore di chissà quali frustranti limitazioni e divieti.  E mi chiedo se sia lei a intendere il suo ruolo in maniera per così dire esagerata (non deve), oppure se abbia una nuora prevenuta, possessiva, scortese (malissimo), la quale ha già palesato l’intenzione di  porre dei “paletti” tra  lei e il nipotino. In entrambi i casi il rapporto tra loro  presenta qualche elemento “dubbio”, sulla cui origine nulla sappiamo.

Ipotizziamo comunque la prima situazione. La nostra nonna deve imporsi serenità e discrezione; ben guardandosi dall’assumere un ruolo materno che non le compete affatto. Come ho già scritto tante volte, il nostro compito è quello di offrire alle famiglie dei  figli attenzione e supporto, quando utile e ben accetto, non certo quello di “prendere possesso” dei nipoti e gestirli secondo i nostri criteri e desideri. Tocca ai genitori occuparsene e noi non possiamo permetterci di criticare  la loro gestione della prole.  Consentito qualche prudente consiglio. Ho anche messo in guardia le nonne troppo presenti e provvide: guardiamoci bene dal far coincidere la nostra vita con quella di figli e nipoti. Dobbiamo continuare la nostra, occuparci del marito, coltivare gli interessi di prima e magari scoprirne di nuovi. Altrimenti, oltre a infastidire nostra nuora (o al contrario metterci al suo servizio: capita) entreremo in crisi  quando i nipoti non avranno più bisogno di noi. Affettuose e disponibili, dunque, evitando però ogni eccesso e invasione di campo.

Passo ora alla seconda ipotesi. La nuora dimostra scarso gradimento per la suocera, non desidera vedersela attorno, men che mai affidarle il nipote. Il suo atteggiamento può essere immotivato  e per così dire maniacale, oppure poggiare su qualche fondamento, nel senso che in altre circostanze la mamma di lui  si è dimostrata invadente, polemica eccetera. Anche in questo caso, occorre  fare appello al senso della misura, senza dimenticare il ruolo del marito. Il poveretto, cui va tutta la mia comprensione, è purtroppo chiamato a mediare, nel superiore interesse dei bambini di casa. Ricada infatti sulla moglie o sulla madre la maggiore responsabilità della sgradevole situazione, i rapporti con i nonni hanno una riconosciuta valenza nello sviluppo affettivo dei figli e vanno – salvo casi gravissimi – coltivati con equilibrio e attenzione. La nonna invadente va “gestita”, non estromessa; la nuora esclusivista e gelosa deve imparare a controllarsi. Che fatica!  Come sarebbe bello se ognuno, conoscendo se stesso, evitasse di costituire un problema…

Advertisements

Responses

  1. E’ un gioco di equilibri molto difficile senza “nipoti” ancora più difficile quando ci sono dei pargoli di mezzo! purtroppo!

    • Cara Stradora, rispondo, unificando per così dire i tuoi due commenti, con un discorsetto “politico”. Il nostro paese non fornisce ai nuovi nati gli indispensabili supporti, a cominciare dai nidi, e talvolta non basta neppure pagare profumatamente per assicurarseli. In Francia, esempio risaputo, le culle non sono più vuote da quando vengono messe in atto politiche di sostegno.
      Ergo, la maggioranza delle nuove famiglie è costretta a ricorrere ai nonni, che di solito si prestano volentieri (pur stancandosi, come da post precedente).
      Penso che questa “indispensabilità” contribuisca ad accentuare la tendenza -atavica, pare- dei nonni, lei in specie, a rivivere la genitorialità attraverso i nipoti. E la parte antica del cervello entra in gioco, a quanto ne so, pure nella “gelosia” materna nei confronti suocera.
      È chiaro che dellle donne “evolute” dovrebbero tenere a bada certe pulsioni!

      • Non sapevo questa cosa del rivivere una seconda fase da “genitori”che rivivono i nonni! Entra in ballo un profondo discorso psicologico nell’ accudimento di un nipote!!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: