Pubblicato da: virginialess | 6 agosto 2016

Nipoti annoiati

sbadiglioUna nonna che si occupa dei nipoti in vacanza  mi scrive per esprimere la preoccupazione che i bambini, 8/11 anni, si annoino. “Benissimo!” mi viene di rispondere. E non è una battuta…

Lo sapevo per esperienza e ho letto negli anni un po’ di articoli a conferma, ma per semplificare mi appoggio a una delle varie ricerche citate nel web: “Bambini annoiati, bambini creativi” (http://www.guidagenitori.it/la-famiglia/i-figli/1905-bambini-annoiati-bambini-creativi/)   Ecco qualche estratto.

Non avere nulla da fare, da leggere o da pensare, stimola lo spirito di iniziativa e sprona la fantasia. Lo sostiene una ricerca inglese  (…) I bambini Sono presi dalle attività scolastiche ed extrascolastiche, da sport e corsi di musica, da feste per i compleanni (…)  quando hanno un’oretta “vuota”, il panico: non sanno cosa fare. (…) Non è una sensazione nostra, ma un problema diffuso, che è stato anche oggetto di una ricerca inglese, condotta nell’East Anglia University, su un campione di 400 temi di fantasia scritti da bambini tra i 10 e gli 11 anni. È risultato che i ragazzini avevano pochissima fantasia e capacità inventiva personale ed erano invece molto influenzati dalle trame dei cartoni animati o di serie televisive.

“Annoiarsi stimola la mente”  Il dato più sorprendente è che proprio (…) quella sensazione di “vuoto” da rifuggire e da riempire a tutti i costi, è in realtà una risorsa positiva. Secondo i ricercatori inglesi, infatti, a lei va il merito di “aguzzare” l’ingegno dei bambini rendendoli più creativi e disponibili a organizzare autonomamente il tempo libero (…). Difende l’apporto positivo della noia anche Anna Oliverio Ferraris, docente di Psicologia dello Sviluppo all’Università La Sapienza di Roma. “Mamme e papà della classe medio-alta, in effetti, si affannano troppo a “riempire” il tempo libero dei figli con tante attività – dallo sport, alla musica e così via – con il rischio di farli crescere ‘eterodiretti’, vale a dire sempre rivolti all’esterno, a qualcos’altro”. 

“I rischi da Tv, computer e videogiochi”  …nelle classi meno agiate, dove le risorse per organizzare il tempo libero sono meno  (…) bisogna evitare che la televisione diventi l’unico passatempo. “La visione di un buon programma – spiega ancora la Ferraris – ha un suo valore, ma non deve diventare un sostitutivo, o l’unico sostitutivo, di altre attività”. Lo stesso discorso vale anche per i passatempi di oggi, come playstation, videogiochi e computer, che propongono ai più piccini forme di divertimento preconfezionato con poco spazio per la fantasia.

“Chi non si annoia è più stressato” Nel senso che i troppi impegni creano ansia da prestazione e timore di non riuscire a svolgerli.  Anche i bambini, insomma, hanno bisogno di tempi vuoti per inventare qualcosa, per pensare: questa esigenza è fonte di gratificazione quindi non deve essere frustrata”

Capito, care nonne? Non affanniamoci a “far divertire” i nipoti, lasciamo che si organizzino/annoino da soli. Non vale per la lettura, si capisce, cui è sempre bene dedicare un po’ di tempo!

 

 

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: