Pubblicato da: virginialess | 3 marzo 2017

Nipoti(ni) filosofi

logica-0319-u43060550223214kqc-u4324099198847aeg-1224x916corriere-web-sezioni-593x443Gli esperti se ne occupano da tempo  e i risultati delle  prime sperimentazioni sono positivi: studiare filosofia nella scuola elementare “fa bene”. Tanto che in Gran Bretagna la Education Endowment Foundation (EEF) ha stanziato un milione di sterline per finanziare il progetto. Quale docente della disciplina, riservata finora alle tre ultime classi  dei licei, sono vistosamente compiaciuta!

Circa 9mila allievi tra i nove e i dieci anni parteciperanno a una serie di incontri, basati su una metodologia che  trasferisce i principi del pensiero antico nei metodi di insegnamento di oggi. In pratica gli insegnanti usano una storia o un videoclip per sviluppare una discussione tra gli allievi su alcuni temi chiave, che sono la verità, la conoscenza, la correttezza di comportamento, che potremmo anche chiamare etica. L’obiettivo è quello di spingere i bambini a mettersi in gioco con domande, discussioni, a volte anche controversie verbali. Tutto quello che può servire a spingerli a ragionare con la propria testa (…)  questa specie di «palestra» (…) li condurrà piano piano ad affinare la logica, utile per migliorare nei procedimenti matematici, ma anche a cercare nuovi spunti nei libri, aumentando le competenze linguistiche e di lettura. ( http://www.corriere.it/scuola/primaria/)

Una vittoria del pensiero e della riflessione, che affonda le radici nel pensiero dell’Antica Grecia e dell’idealismo tedesco, anche se ai bambini, in questa fase, non si parla di Platone o di Kant. E, risultato davvero significativo, guardando agli esiti si è scoperto che per i bambini che arrivano da famiglie svantaggiate e meno educate, i vantaggi sono stati addirittura superiori, con un arricchimento di competenze in matematica che equivale addirittura a tre mesi di lavoro in più in classe.

Incoraggiati dall’esempio britannico, si comincia a “filosofeggiare” anche nelle nostre scuole. La sperimentazione attuata dal prof. Zippel sembra più ambiziosa: in terza elementare si studia la filosofia greca, in quinta si arriva a quella cinese.  Anch’egli è convinto che “La filosofia aiuta il bambino a organizzare il libero pensiero: è una guida della riflessione” e aggiunge  “Spesso i tabù che abbiamo sull’infanzia sono preconcetti del mondo adulto, i bambini  sono pronti a parlare di tutto”.

Guardate il video, ve ne convincerete anche voi! http://video.repubblica.it/scuola/roma-i-bambini-e-platone-la-filosofia-si-fa-alle-elementari/269141/269574?refresh_ce

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: