Pubblicato da: virginialess | 29 maggio 2013

Giornata del femminicidio

Visualizza l'immagine su TwitterLa RAI la dedica all’argomento perché ieri è stato approvato dalla nostra camera dei deputati il  ddl di ratifica della Convenzione di Istanbul, sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e  la violenza domestica. In verità l’aula era semideserta, in particolare i banchi di destra. Deplorevoli le  sterili polemiche tra M5s e l’ex ministro Mara Carfagna, ma la discussione che ha preceduto il voto è stata comunque di buon livello. Potete leggerne qui: http://www.huffingtonpost.it/celeste-costantino/quellaula-semideserta-contro-il-femminicidio_b_3344840.html

Quanto a me, ne ho (ri) scritto da poco tempo e non sto a ripetermi. Mi sposto su un tema che merita riflessione e approfondimento: il “perdono”. Lo offre la miss Rosaria Aprea, ridotta in fin di vita dal compagno; lo ama e tornerà con lui quando uscirà  dal carcere. Ove si trova perché il tentato omicidio è perseguito per legge, lei ha ritirato la denuncia. La mamma della sedicenne Fabiana, aggredita con 20 coltellate e bruciata viva, ha ricevuto dalla mamma di Davide, il suo giovanissimo uccisore, una lettera che dice: «Cara Rosa (…) chiedo perdono per mio figlio ma anche il mio cuore brucia di dolore». E Rosa, pur chiedendo giustizia, avrebbe indirettamente risposto:  “Anche lui è una povera vittima “.

Trovo fuorviante il modo in cui i media  propongono questo “perdono”; si fa confusione tra religione, etica e diritto e ne risente il concetto di responsabilità individuale, già in crisi da tempo, e che al contrario andrebbe recuperata con forza. Quasi tutti i violenti, picchiatori e assassini delle loro donne, sono in definitiva delle vittime: dell’educazione mancata, del cattivo esempio familiare, della cultura maschilista, della TV volgare e sessista e via deplorando. Il che non toglie che sia ciascuno di loro, singolo pensante e agente, il colpevole: da punire secondo legge e condannare moralmente.

Quali mamme e nonne, abbiamo ben chiari i nostri compiti educativi. E sappiamo che e’ un grave errore di giudizio confondere la comprensione  umana e culturale – e la doverosa assistenza del soggetto nel suo percorso di riabilitazione – con l’irresponsabilità, giustificandolo col trasferire altrove le motivazioni della condotta offensiva. Per comprenderlo basta pensare a quanti uomini hanno subito i medesimi condizionamenti e non ne sono usciti quali aggressori e potenziali femminicidi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: